Anno 2011: Polizze e Sanità in Campania. Anno 2014: il Consiglio di Stato concorda con il provvedimento dell’AGCM

La notizia è già stata pubblicata da svariati siti online nelle ultime ventiquattrore. Probabilmente molti di noi non erano a completa conoscenza di quanto fosse accaduto dopo la delibera della  AGCM del 2011. Si tratta di un argomento complicato di per sè, come quello delle coperture assicurative delle Aziende Ospedaliere, che ai giorni d’oggi non trova certo un protagonismo così affollato di Compagnie di Assicurazione disponibili a questo genere di sottoscrizione.

Ma cause e ricorsi snodano i propri percorsi , anche se nel silenzio della opinione diffusamente pubblica degli interessati al settore,con i ritmi previsti, e poi eccone il risultato finale.

Lo scorso 13 giugno è stata depositata la sentenza del  Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta), che pone la parole fine a ogni controversia conseguente alla delibera della AGCM in questione, con la quale alcune compagnie e una agenzia di assicurazione erano state condannate a quanto mai pesanti sanzioni amministrative, in grado di rappresentare ingombranti impegni economici all’interno dei rispettivi bilanci aziendali.

Il tema della intesa restrittiva della concorrenza  avente per oggetto la ripartizione e l’alterazione del confronto concorrenziale (in questo caso riferito all’ambito degli affidamenti del servizio assicurativo per alcune ASL e AO campane) solleverà certamente il bisogno di successivi approfondimenti da parte dei tanti legali e giuristi interessati a ogni evoluzione giurisprudenziale, se di evoluzione si potrà argomentare.

Da parte di questo blog solo la segnalazione della definizione e identificazione del concetto di mercato rilevante, espressa all’interno della sentenza del Consiglio di Stato, che merita attento esame e riflessione. Soprattutto in un momento che, come quello attuale, invoca, rivendica e ripropone l’ormai ricorrente tema della trasparenza e “pulizia”, come sempre si dovrebbe, di ogni appalto pubblico.

nota: ogni parte evidenziata in grassetto è la libera espressione della valutazione dell’autore del blog.

La premessa

L’AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 28 settembre 2011

DELIBERA

a) che le società HDI-Gerling Industrie Versicherung AG, Faro Compagnia di Assicurazioni e riassicurazioni S.p.A., Navale Assicurazioni S.p.A. (ora UGF S.p.A.) e Primogest S.r.l. hanno posto in essere un’intesa restrittiva della concorrenza ai sensi dell’articolo 101 del TFUE, avente per oggetto la ripartizione e l’alterazione del confronto concorrenziale nell’ambito degli affidamenti del servizio assicurativo RCT/RCO per ASL e AO campane;

b) che le imprese si astengano in futuro dal porre in essere comportamenti analoghi a quelli oggetto dell’infrazione accertata;

c) che, in ragione di quanto indicato in motivazione, vengano applicate le sanzioni amministrative pecuniarie ai seguenti soggetti:

HDI Gerling                                                                5.868.703 €
Faro                                                                               2.015.544 €
Navale (ora UGF)                                                     5.471.168 €
Primogest                                                                        228.100 €

Il risultato

 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Sesta)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

…omissis

Come ricordato ripetutamente dalla giurisprudenza amministrativa (cfr. Cons. St., sez. VI, 9 aprile 2009, n. 2201) “Per mercato rilevante si intende quella zona geograficamente circoscritta dove, dato un prodotto o una gamma di prodotti considerati tra loro sostituibili, le imprese che forniscono quel prodotto si pongono fra loro in rapporto di concorrenza” (cfr. Cons. St., sez. VI, 14 marzo 2000 n. 1348, Italcementi; Cons. St., sez. VI, 12 febbraio 2001 n. 652, Vendomusica).

La definizione del mercato rilevante implica un accertamento di fatto cui segue l’applicazione ai fatti accertati delle norme giuridiche in tema di mercato rilevante, come interpretate dalla giurisprudenza comunitaria e nazionale. Tale applicazione delle norme ai fatti implica un’operazione di <<contestualizzazione>>delle norme, frutto di una valutazione giuridica complessa che adatta concetti giuridici indeterminati, quale il <<mercato rilevante>> al caso specifico.

omissis…

In particolare, il Consiglio di Stato ha avuto, poi, modo di precisare che “Nell’ipotesi di intese restrittive, la definizione del mercato rilevante è successiva all’individuazione dell’intesa, in quanto sono l’ampiezza e l’oggetto dell’intesa a circoscrivere il mercato su cui l’abuso è commesso: vale a dire che la definizione dell’ambito merceologico e territoriale nel quale si manifesta un coordinamento fra imprese concorrenti e si realizzano gli effetti derivanti dall’illecito concorrenziale è funzionale alla decifrazione del grado di offensività dell’illecito (Cons. St., sez. VI, 10 marzo 2006, n. 1271, Telecom Italia)”. In tal senso seppure, dunque, “il mercato di riferimento deve comunque essere costituito da una parte «rilevante» del mercato nazionale e di regola non può coincidere con una qualsiasi operazione economica”, ma anche “una porzione ristretta del territorio nazionale può assurgere a mercato rilevante, ove in essa abbia luogo l’incontro di domanda ed offerta in condizioni di autonomia rispetto ad altri ambiti anche contigui, e quindi esista una concorrenza suscettibile di essere alterata”.

Dalle considerazioni svolte, deriva, pertanto, che – come nel caso in questione – “le gare di pubblici appalti possono costituire, avuto riguardo alle circostanze del caso concreto, un mercato a sé stante, in quanto la definizione del mercato rilevante varia da caso a caso in funzione delle diverse situazioni di fatto (sulla gara Consip per i buoni pasto, su cui ha deciso la citata decisione Cons. St., n. 926/2004; le gare per la fornitura di carburante indette da aziende comunali di trasporto pubblico, su cui ha deciso Cons. St., sez. VI, 10 febbraio 2006 n. 548; le gare per la fornitura di prodotti per diabetici, su cui ha deciso Cons. St., sez. VI, 16 marzo 2006 n. 1397)”.

Sicchè il giudice amministrativo ha risolto in senso favorevole la questione relativa addirittura alla possibilità di identificare il mercato rilevante anche con una singola gara bandita dalla p.a. sulla base della considerazione secondo cui “l’ammissibilità di una coincidenza tra mercato rilevante e gara non può essere né affermata né negata in termini assoluti, dovendosi indagare in concreto le caratteristiche del mercato oggetto della gara” (Cons. St., sez. VI, 2 marzo 2001, n. 1191, Imprese di assicurazione).

omissis…

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) definitivamente pronunciando sugli appelli, come in epigrafe proposti, previa riunione, li respinge; accoglie l’appello incidentale proposto dall’Autorità Garante della concorrenza e del mercato; conseguentemente, in riforma della sentenza appellata, respinge il ricorso originario.

Condanna le parti appellanti al pagamento delle spese del doppio grado di giudizio in favore dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, liquidandole in complessivi euro trentamila, divisi in diecimila euro a carico di ogni appellante principale.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 27 maggio 2014 con l’intervento dei magistrati:

 

Sergio De Felice, Presidente FF, Estensore

Claudio Contessa, Consigliere

Gabriella De Michele, Consigliere

Giulio Castriota Scanderbeg, Consigliere

Bernhard Lageder, Consigliere

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...