Sulla RC Auto Consiglio dei Ministri velocissimo, ma siamo sicuri che i conti tornino?

6 Febbraio 2014

La Presidenza del Consiglio comunica che:

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta del ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato, un disegno di legge teso a ridurre i costi dell’assicurazione auto, consentendo l’apposizione di alcune clausole contrattuali che mirano a vanificare le richieste fraudolente di risarcimento e ad assicurare riduzioni del premio assicurativo. Questo meccanismo abbasserebbe il prezzo finale per il consumatore, rispetto all’anno passato.

Il disegno di legge prevede una serie di sconti per i consumatori e sanzioni, in caso di violazioni, per le assicurazioni. Il meccanismo di sconti e sanzioni può essere così sintetizzato:

• Sconto del 7%, sulla media dei prezzi regionali, per l’applicazione della scatola nera. Sanzione da 5.000 euro a 40.000 euro in caso di mancata pubblicità o comunicazione.

• Sconto del 5% e del 10% per risarcimento in forma specifica presso carrozzerie convenzionate.

• Sconto del 4% per il divieto di cessione del diritto al risarcimento. Sanzione da 5.000 euro a 40.000 euro in caso di mancata pubblicità o comunicazione.

• Sconto del 7% per prestazioni di servizi medico-sanitari resi da professionisti convenzionati con le imprese assicurative. Sanzione da 5.000 euro a 40.000 euro in caso di mancata pubblicità o comunicazione.

Il totale delle riduzioni previste dal governo è del 23%. Esempio: chi pagava un premio RcAuto di 1.000 euro all’anno, avrà una decurtazione a 770 euro.

Dopo lo stralcio di ieri dell’ articolo 8  dal Decreto Destinazione Italia arriva oggi a velocità quasi ultrasonica il via libera del Consiglio dei ministri a un Ddl appositamente dedicato ai costi della Rc auto.

Riappaiono gli sconti premio a favore degli assicurati a fronte delle rispettive rinuncie “al prima concesso”. E alla fine viene declamata una decurtazione massima di ben il 23% (se si applicasse lo sconto del solo 5%  per risarcimento in forma specifica presso carrozzerie convenzionate).

Nessun assicuratore di normale ragionevolezza penserebbe di sommare “tout court” gli importi degli sconti anzichè applicarli in progressione, e così facendo a un assicuratore risulterebbe un possibile e teorico premio finale di circa 788 euro anzichè quei 770 euro ufficialmente vantati!

Ma sicuramente il decreto, una volta pubblicato, ci spiegherà anche il meccanismo aritmetico da adottare, in modo da rispettare le aspettative di chi legge oggi la notizia.

Sperate gente, sperate!

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...