SNA contro Allianz: solo un complesso di inferiorità

E’ decisamente sorprendente la iniziativa dello SNA che ha deciso di inoltrare all’ISVAP un reclamo per denunciare la PUBBLICITA’ ALLIANZ S.P.A. – “QUOTAZIONE RC AUTO TRAMITE SMS”(clicca qui per leggere l’articolo pubblicato da Intermedia Channel). Una reazione di contrasto a danno di colleghi che hanno la opportunità di una mandante che, una volta tanto, promuove una campagna pubblicitaria di rilevante spessore a loro favore per intercettare nuovi potenziali clienti.

Appare speciosa la inutile confusione lessicale tra il termine “quotazione” e “preventivo” per tentare di imbastire un incidente di presunta inadempienza alle norme ISVAP in quanto a trasparenza delle offerte da parte delle Compagnie. Nel comune italiano praticato “quotazione” è inteso genericamente anche come attribuzione di un valore o livello di valutazione e non necessariamente come preventivo.

Infatti il preventivo (così prevede il meccanismo del concorso di Allianz) deve essere richiesto in Agenzia, che rimane la sponda di intermediazione principale della iniziativa.

Altrettanto inutile e improprio l’attacco alle regole del concorso, e a quanto a esso attribuibile, perchè ritenute non chiare o addirittura indisponibili per i potenziali clienti. Si è evidentemente trattato di una frettolosa lettura del sito di Allianz, dove invece tutto è trasparente, completo e esaustivo.

Altrettanto inutile l’adombrato timore che altre due compagnie stiano per intraprendere una iniziativa analoga e in conseguenza del quale lo SNA si affretta a concludere l’esposto con questo accorato invito

Con l’occasione evidenziamo che, qualora questo Istituto non rilevasse alcuna violazione e/o scorrettezza sanzionabile nell’operato delle suddette Compagnie, riterremmo corretto che, per analogia ed equità, le stesse opportunita’ debbano essere riservate anche agli altri operatori del mercato, quali gli iscritti alla sezione A rappresentati dalla scrivente.

Credo che ogni assicuratore normalmente attento a quanto deve essere oggetto di appropriate azioni di benchmark non possa che invidiare l’azione di Allianz, concentrandosi, invece di attaccarla, sulla possibilità di replicare anche in casa propria sia la reperibilità dei dati del PRA, sui quali si basa evidentemente la campagna in questione, e sulla portata dell’investimento necessario per emulare il meccanismo di contatto, prima che anche altri ne facciano una commodity alla  quale i consumatori non vorranno probabilmente più rinunciare.

E’ altrettanto curioso che lo SNA non si occupi, o preoccupi, della eventuale concorrenzialità tariffaria espressa dalla campagna, ma si limiti a contestarne le modalità.

Ma prima di ogni altra considerazione delude lo scopo che l’esposto, forse inizialmente inconsapevole, concretamente persegue, e cioè il danneggiare molti altri colleghi, magari ancora iscritti allo stesso SNA (ma ancora per quanto?), o magari non iscritti ancora ad alcuna associazione e ben felici, visti questi e altri risultati conseguenti, di non esserlo.

Serve ricordare che il recente decreto per lo sviluppo ha proposto al mercato nuove aperture di possibilità collaborative all’interno delle principali sezioni del RUI, che favoriranno interazioni e convergenze commerciali sino a oggi impensabili per molti, con prospettive di aperture di mercati che certamente non si difenderanno o conquisteranno a colpi di esposti, ma con innovazione e creatività.

 

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...