L’ANIA e gli anziani delle polizze

Il direttore generale dell’ANIA Paolo Garonna ha presentato, nel corso di una recente audizione presso la competente Commissione Lavoro della Camera, le osservazioni mosse dalle compagnie in merito al A.C. n. 5256 “Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita”.

A parte le rivendicazioni di una gestione autonoma degli obblighi formativi nei confronti dei giovani eventualmente assunti con il contratto di apprendistato, colpisce l’importanza data dall’ANIA ai vincoli dei nuovi progetti di ammortizzatori sociali previsti, tra gli altri, dalla nuova cosiddetta riforma del lavoro.

A preoccupare l’ANIA sono  “alcune rilevanti rigidità in ordine alle prestazioni erogabili dal Fondo di Solidarietà già esistente, avuto particolare riguardo alla tutela dei lavoratori in costanza di rapporto di lavoro nei casi di riduzione o sospensione dell’attività conseguenti a processi di riorganizzazione/ristrutturazione o a situazioni di crisi“.

Particolare attenzione viene dedicata alla rigidità imposta per gestire i processi di ristrutturazione mediante una riduzione dell’orario dei c.d. lavoratori anziani ed un “loro graduale ritiro” dal lavoro.

E’ evidente che le eventualità di crisi ancora maggiore di quella attuale possono colpire anche il settore delle compagnie di assicurazione, ma è altrettanto evidente che gli attuali progetti di nuove fusioni tra gruppi assicurativi prospettano risparmi di costi di gestione che passeranno inevitabilmente attraverso una contrazione di posti di lavoro.

E a colpire ancora una volta è la visione della attuale classe imprenditoriale, assicurativa compresa, nel considerare il “cosiddetto anziano” come risorsa indiscutibilmente destinata alla dismissione.

Mandare al macero competenze maturate in anni di lavoro connota una politica industriale totalmente votata a sopprimere l’esperienza a danno delle generazioni successive, privandole di un passaggio di testimone di culture, soluzioni e, perchè no, errori che non possono essere sostituiti da processi e procedure anche evolute.

Si ripercorrono le rotte della omologazione professionale dei dipendenti, livellandone  le rispettive prestazioni senza tener conto di alcuna prerogativa distintiva di qualità e vissuto specifico. Con l’unico scopo di rendere anonime le caselle delle singole funzioni aziendali, per sostituirle via via con una nuova anagrafe rigenerante,  non appesantita da consolidate opinioni e stili decisionali lavorativi.

Prospettando temporalità lavorative sempre più limitate e  ricambi sempre più veloci. Paradossalmente in contrasto con un orizzonte pensionistico sempre più rimandato e con un progressivo allungamento delle speranze di vita individuali.

Non è facile demagogia, bensì la sconfitta del buon senso, e gli intermediari assicurativi ben sanno quanto sia ormai difficile dialogare con assicuratori capaci di svincolarsi dalle rigidità di codici informatici, prodotti preconfezionati, statistiche e campi riservati agli sconti poco praticabili.

Ma chi è ancora capace, o legittimato, a valutare la conoscenza di rischi e clienti al di là delle classificazioni di sistema? Magari per rifiutare clienti cattivi e attrarre quelli migliori ancora rimasti.

Ma, dimenticavo, ci sono sempre tanti consulenti pronti a rimediare implementando nuovi asettici progetti applicativi.

E i consulenti non diventano mai anziani, perchè prima del prossimo imbarazzante compleanno di nuova maturità personale  si saranno già insediati in qualche azienda loro cliente. Tanto i posti non mancano, gli anziani sono già da parte.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...