Assicurazioni: così non va.

 
Questo vuole essere un post di esemplare autoportanza: basta navigare all’interno della sezione sopra riportata, che il quotidiano La Repubblica ha dedicato all’argomento delle polizze RCAuto,  per toccare ancora una volta con mano di quale pasta sia la reputazione di polizze e assicuratori in Italia di questi tempi.
 
Di chi sia la colpa maggiore poco importa, siamo tutti attori nell’essere vittime di un sistema che comunque concorriamo a mantenere così com’è. E certamente la colpa maggiore sta dalla parte di coloro i quali, potendo provvedere a una opportuna e corretta controinformazione positiva, non l’hanno ancora fatto.
Siamo sempre più coinvolti in un ruolo negativo che sembra non ammettere più una inversione delle parti. Succede in misura ancora maggiore durante periodi di crisi come quello che stiamo attraversando.
 
L’invocare la riduzione di prezzi ritenuti esosi, il biasimare comportamenti presuntivamente, e purtroppo spesso anche motivatamente,  scorretti delle compagnie di assicurazione, genera una tentazione di rivendicazione risarcitoria verso le compagnie stesse, anche per ottenere una impropria sussidiarietà economica nell’esasperare ogni denuncia di danno possibile.
 
Non meravigliamoci quindi di indagini conoscitive da parte delle autorità preposte, di centinaia di articoli e interventi tutti rigorosamente contro, di una reputazione deformata verso il peggio. Cominciamo a contribuire tutti, a partire dai piccoli comportamenti e dalle piccole sostanze, nel dimostrare che per gli assicuratori e le polizze può anche essere vero il contrario.
Oppure no?

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...