Se mutuo e polizze non sono incompatibili

Mi è casualmente   capitato  di ascoltare per la prima volta   la trasmissione radiofonica Il Salvadanaio, a cura di Debora Rosciani, trasmessa da  Radio 24 , il canale radio de Il Sole 24ORE.

La puntata di ieri , intitolata Polizze mutui,  il Tar da ragione all’Abi,  del 02-11-2010, era dedicata alla recente sentenza del Tar sul ricorso,  presentato e accolto, dell’ABI contro l’introduzione dell’art.52 del Regolamento n.35 emanato dall’ISVAP

I commenti della redattrice su alcuni interventi in diretta da parte di alcuni sottoscrittori di contratti di mutuo, coinvolti nelle difficoltà di trasformazione o portabilità dei mutui,  per  vincoli e resistenze prodotte dai concomitanti contratti assicurativi, hanno dato anche la possibilità di replica e commento al rappresentante dell’ABI ospite del programma.

Allo stesso argomento era già stata dedicata anche  una precedente trasmissione del 21 giugno scorso, nel corso della quale la Dr.ssa Flavia Mazzarella, Vicedirettore Generale dell’ISVAP, aveva esposto la sintesi degli obiettivi che i Regolamento n.35 si proponeva a ulteriore tutela dei consumatori, compreso quello di eliminare, attraverso l’art.52, ogni sorta di possibile incompatibilità tra erogante e intermediario assicurativo impropriamente remunerato.

Consumatori che anche in questa occasione hanno testimoniato, con i rispettivi interventi in diretta, la diffusa e persistente conflittualità tra banche e clienti,  nel nome e con il pretesto delle polizze, ancorchè non obbligatorie, e quindi a preteso complemento dei contratti di mutuo sovrastanti.

Da un lato è interessante registrare come già nel giugno scorso siano stati avviati contatti informali e interlocutori da parte delle banche nei confronti dell’ISVAP, come affermato dalla Dott.ssa Mazzarella, probabilmente per discutere o contestare la norma  introdotta successivamente alla fase ormai ultimata di consultazione del Regolamento.

Dall’altro  appaiono  perlomeno singolari le  argomentazioni prodotte dal rappresentante dell’ABI nella trasmissione di ieri,  replicando alle  critiche mosse da diversi mutuatari insoddisfatti.

Colpisce la netta  presa di distanza della  banca dal sistema e dalle regole contrattuali delle compagnie di assicurazioni, emittenti delle polizze vendute dalla banca contestualmente alla definizione del finanziamento, che contrasta nettamente con alcune delle argomentazioni contenute nel corpo del vittorioso ricorso al Tar del Lazio della stessa ABI, e descritte come un indiscutibile vantaggio a beneficio del cliente mutuatario-assicurato.

E se a ciò si aggiunge il reiterato invito rivolto ai futuri mutuatari affinchè, come per ogni altro servizio, si esplorino preliminarmente  tutte le alternative concorrenziali che il mercato offre, allora non si comprende  perchè il mondo bancario non riesca ancora a autoimporsi nuove comuni  regole, modalità di presentazione, pregiudiziali contrattuali preventivamente trasparenti, a beneficio di una rapportualità equilibrata con i propri clienti,  nella quale sia positivamente coinvolta una simmetrica e producente trasparenza di offerta delle polizze.

Nella rapportualità con le reti distributive proprietarie, o convenzionali di altro tipo, le compagnie di assicurazione spesso dettano e pretendono il rispetto di regole e modalità omologate, ma, inspiegabilmente,  se il punto di intermediazione è uno sportello bancario se ne abbandona ogni ragionevole governo, subendone le conseguenze.

Quasi che nel binomio banca e assicurazioni si affidasse un maggiore peso specifico a chi il finanziamento lo eroga, salvo poi  a recuperarlo doverosamente   in caso di sinistro. Ma questo ci porterebbe a discutere ancora delle recenti sentenze, cosa che varrà la pena di fare.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...