Assegnazione di portafoglio: per l’ISVAP non vale solo per gli Agenti.

Gli esiti di pubblica consultazione del Regolamento ISVAP n.35 sulla trasparenza dei prodotti assicurativi continuano ad essere occasione di chiarimenti e approfondimenti.

Si tratta in questo caso del concetto di portafoglio.

Art. 20, comma 3 (Trasferimento di agenzia ed operazioni societarie straordinarie)

ANIA chiede di eliminare il riferimento all’intermediario genericamente inteso, sostituendolo con “agente”, in quanto il concetto di portafoglio e di assegnazione del medesimo è relativo al solo agente e non a qualunque intermediario.

Proposta non accolta.

L’assegnazione di un portafoglio non deve necessariamente essere riferita ad un agente e pertanto è stato utilizzato il termine intermediario al fine di ricomprendere tutti gli operatori di cui all’articolo 109 del Codice.

Il chiarimento è utile per identificare nel concetto di portafoglio quella globalità di affari assicurativi gestiti indifferentemente da agenti, broker, subagenti e soggetti iscritti in ogni sezione del RUI, che possono essere assegnati, attribuiti, trasferiti, o comunque mobilizzati, e con tutte le conseguenze economiche che ne possono derivare.

Non si tratta quindi di una massa individuata di polizze e premi collocabile unicamente all’interno dei rapporti tra mandanti e mandatari, compagnie e agenti, ma estesa a ogni rapportualità di intermediazione assicurativa. Precisazione importante per tutte quelle situazioni nelle quali il presupposto di appartenenza o titolarietà abbia consistenza contrattuale e economica.

L’ANIA probabilmente intendeva, per quanto riguarda i rapporti con la distribuzione, contenere i casi di negoziabilità del portafoglio, ma sicuramente auspicava di  contenere la numerosità delle occasioni di trasferimento, a causa delle quali informare i rispettivi assicurati.

La tracciabilità è uno dei concetti di maggiore  tutela del consumatore, soprattutto nei processi di filiera, altrettanto corretto quindi l’obbligo di tracciare eventuali percorsi dei contatti di intermediazione: gli assicurati devono conoscere perchè, dove, con chi e a chi, indirizzare denunce di sinistro, richieste di variazione e pagamenti dei premi. 

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...