Francesco G. Paparella riconfermato alla Presidenza dell’AIBA

L`Assemblea Generale dell`Associazione ha eletto il Consiglio Direttivo per il triennio 2010/2013. Al termine il Consiglio ha confermato F.G. Paparella nella carica di Presidente, nominati M. Gallotti e L. Burei Vicepresidenti ed E. Boglione, D. Ariagno, E. Garavaglia componenti della Giunta Esecutiva.

Francesco G. Paparella  opera nel settore del brokeraggio assicurativo da oltre 38 anni, e a ridosso di una età alla quale  molti  iniziano a pregustare il futuro piacere dello stacco definitvo dalla propria attività professionale,  Paparella si accinge invece a percorrere, e per la quinta volta, un nuovo cammino presidenziale alla guida dell’AIBA.

L’eternamente giovane Francesco rende ancora una volta disponibile il suo entusiasmo, a favore della associazione che guiderà quindi per complessivi  cinque mandati. Sono tante tutte queste presidenze, troppe per chiunque non abbia nel proprio DNA il senso della professione di broker e l’orgoglio accattivante di rappresentarne la categoria.

Sono amico di Francesco da ormai diversi decenni e mi riuscirebbe difficile pensare a un’AIBA senza di lui, capace, come pochi,  di visibilità e autorevolezza di categoria. Presente ogni qualvolta la voce degli intermediari liberi deve farsi sentire, per contare i numeri dei risultati raggiunti o mantenuti, per proporre nuove istanze, per attraversare le  continue difficoltà in un mondo che cambia,  annullando e modificando  irrimediabilmente regole, protagonisti e logiche di mercato.

Sempre meno le compagnie con le quali confrontarsi, sempre di più i clienti che si trovano a fronteggiare crisi e difficoltà dalle molte facce e dalle poche alternative.

Da originari  intermediari privilegiati, perchè liberi da mandati e vincoli poliennali, i broker riscrivono ogni giorno il manifesto del proprio ruolo, per distinguerne le diversità caratterizzanti,  da agenti, banche e compagnie dirette.

Con mutate esigenze di massa critica di premi gestiti, con  le gare degli enti pubblici attraenti, ma dalle economie sempre più disgreganti, con nuove necessità di scelte distributive, con la tentazione di consegnarsi a nuovi più grandi compratori, per rinunciare a cammini ancora solitari, la categoria continua a rincorrere rendite di qualità e remunerazione sempre meno probabili.

Ecco allora che coesione, convergenze professionali e di sistema, si fanno sempre più necessarie, con alla testa uno spirito guida che cavalchi ancora con slancio un futuro che, con sempre maggiore velocità,  diventa un passato da raccontare.

Buon lavoro Presidente Paparella!

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...