L’ISVAP disciplina i nuovi obblighi di informazione e di pubblicità dei prodotti assicurativi: fissati i criteri delle “nuove case di vetro” delle Compagnie.

Con l’ormai datato comunicato stampa del 26 maggio 2010 l’ISVAP annuncia di aver definitivamente licenziato un nuovo Regolamento (Reg. n. 35, sulla “Disciplina degli obblighi di informazione e della pubblicità dei prodotti assicurativi”) per rafforzare la trasparenza dei contratti assicurativi e la protezione degli assicurati. 

Il Regolamento,che semplifica le norme vigenti accorpandole in un testo unitario, introduce significative innovazioni. Rilevanti novità a vantaggio del consumatore sono previste in particolare per i contratti legati alla stipula di mutui o prestiti personali.

Relativamente a questi ultimi si è provveduto a risolvere alla radice il conflitto d’interessi dei soggetti, come le banche e gli altri intermediari finanziari, che, per proteggere il credito erogato, agiscono nella veste di beneficiari delle coperture e nel contempo assumono il ruolo di intermediari arrivando a percepire  provvigioni spesso anche rilevanti

Ulteriore obiettivo perseguito è quello di rendere effettiva la portabilità dei mutui,  stabilendo i criteri per la restituzione di quota parte del premio assicurativo pagato, incluse le provvigioni, creando le condizioni per una riduzione del costo di estinzione del mutuo stesso.

Numerose ed importanti le novità introdotte dal Regolamento anche per le altre tipologie contrattuali  

  • Per i contratti malattia, in particolare, è stata preclusa alle imprese la facoltà di recesso in caso di sinistro, per evitare che l’assicurato possa trovarsi “scoperto” nel momento in cui è contrattualmente più debole.  
  • Per il comparto vita è stato introdotto l’obbligo per le imprese di inserire nella Nota informativa notizie sulla propria situazione patrimoniale, indicando in particolare l’indice di solvibilità.  
  • Nel comparto danni si è intervenuti introducendo schemi standardizzati di Nota informativa per agevolare la comprensione dei prodotti e la loro comparabilità.  
  • Per i contratti r.c.auto è stato introdotto il Fascicolo informativo, adeguatamente differenziato per categorie di veicoli e natanti.

Il  Regolamento farà, a mio parere, ancora parlare molto di sè nei prossimi mesi, prima del suo effetto definitivo fissato per il 1 dicembre 2010, in quanto a ripercussioni sia sui fatturati derivanti dalla attività assicurativa di Banche e Istituti Finanziari, che sugli obblighi di trasparenza provvigionale per Intermediari e Compagnie.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...