La prevenzione incendio tra le mura domestiche secondo gli assicuratori statunitensi.

Siamo negli USA, il Paese che ha insegnato per primo al resto al resto del Mondo l’importanza della prevenzione dei rischi, dell’incendio in maniera particolare.

I motivi principali, si sa,  sono stati molto banalmente tre: la originaria prevalenza di costruzioni in legno, la distanza dei luoghi con la conseguente necessità di provvedere il più rapidamente possibile a tentare di gestire inizialmente e in proprio l’incendio, la composita realtà multietnica della popolazione, per la quale linguaggio e abitudini imponevano necessità di semplificazione e opportuna normalizzazione comportamentale di fronte all’emergenza.

Altri l’hanno già fatto nel web, ma una volta di più non guasta certamente, segnalando questa semplicissima animazione proposta sul proprio sito istituzionale dalla compagnia Liberty Mutual dedicata a testare la capacità della persona qualunque nell’individuare i punti di pericolo dentro la propria abitazione.

Con una ridotta conoscenza dell’inglese (che per gli intermediari assicurativi di oggi dovrebbe essere un po’ più che essenziale) e una buona predisposizione alla semplicità del messaggio,  ognuno può farsene un utile strumento di colloquio pre o post vendita di una polizza abitazione.

cliccate qui

Se volete invece educare i vostri clienti a un Risk Management famigliare questo  è il collegamento al sito interattivobe Fire Smart” dove si possono trovare altri tutorial divulgativi sulla prevenzione incendio nella vita privata.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...